#giovanipromesse16 – Sabato

Pin It

sabato_giopro

Sabato 28 maggio la rassegna “Da giovani promesse…” prosegue con una giornata ricca di appuntamenti con i vincitori dei principali premi italiani destinati agli esordienti.

Alle 11:00, Cristian Mannu – vincitore del Premio Calvino nel 2015 – racconta il suo “Maria di Ísili” con Elena SbrojavaccaMargherita D’Amico, membro del direttivo del Premio Calvino; con lei il vincitore/la vincitrice della XXIX edizione del Premio Calvino.

Dalle 19:00Francesca Diotallevi ci parla del suo “Dentro soffia il vento“, romanzo vincitore della “Sezione Giovani del Premio Neri Pozza – Fondazione Pini – Circolo dei Lettori“, assieme a Marco Malvestio. Succesivamente, Gabriele Di Fronzo presenta “Il grande animale” e con lui dialoga Emmanuela Carbé.

La serata si conclude con “Le ossa del Gabibbo“, musical reading tratto dall’omonimo romanzo di Virginia Virilli, con l’accompagnamento musicale di Margherita Vicario.

L’appuntamento del mattino si terrà al Caffè Pedrocchi, mentre gli appuntamenti serali si svolgeranno tra piazza del Duomo e il Museo Diocesano.

Caffè Pedrocchi – 11:00

Cristian Mannu

Maria di Ísili” (Giunti)

con Margherita D’Amico ed Elena Sbrojavacca

Leggi di più

15.maria-di-isiliUn romanzo sul coraggio e la forza di una donna pronta a tutto pur di conquistare la propria autonomia. In una polifonia di voci, in uno stile denso e compiuto, Cristian Mannu ci regala la storia di una donna che, pagandone il prezzo, segue la legge del desiderio, sfidando gli interdetti sociali, sullo sfondo di una Sardegna arcaica popolata da vagabondi, levatrici-accabadore, figli burdi, fatti di sangue e indicibili segreti.

 

 

 

16.cristian-mannu-1-ANIVVLG7Cristian Mannu è papà di tre figli e vive a Cagliari, dove è nato nel 1977. Con la sua prima opera, Maria di Ísili, ha vinto il Premio Calvino nel 2015.

 

 

 

Elena Sbrojavacca (1989) è dottoranda di Italianistica presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. La sua ricerca verte su Il Libro Unico di Roberto Calasso. Attualmente partecipa alla curatela di un volume BUR sull’opera teatrale di Luigi Pirandello. Suoi contributi per riviste del settore, pubblicati o in attesa di pubblicazione, riguardano: Luciano Erba, Beppe Fenoglio, Roberto Calasso, Claude Fauriel, Gianfranco Contini, Andrea Zanzotto.

Margherita D’Amico, membro del direttivo del Premio Calvino, interverrà raccontando il Premio. Con lei, i due neo-vincitori:

  • Cesare Sinatti, vincitore con La splendente. Nato a Fano nel 1991, si laurea in filosofia a Bologna nel 2013 con una tesi sull’immortalità dell’anima nel Fedone. Attualmente sta terminando il corso magistrale in Scienze Filosofiche nella stessa università. Ha trascorso un anno di studi all’Università di Chicago;
  • Elisabetta Pierini, vincitrice con L’interruttore dei sogni. Nata a Pesaro (1964), vive a Fermignano. Laureata in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche, lavora all’Università di Urbino come assistente tecnico. Finalista al Calvino 27 col romanzo Notte, ha pubblicato un racconto sul Corriere della Sera. Ha partecipato a RicercaBo nel 2014 e al dibattito Donne di Penna, Terni 2016.

Museo Diocesano – Piazza Duomo – dalle 19:00

Francesca Diotallevi

Dentro soffia il vento” (Neri Pozza)

con Marco Malvestio

Leggi di più

16.dentro-soffia-il-ventoFiamma, una ragazza dai capelli così rossi che sembrano guizzare come lingue di fuoco in un camino, vive da sola in un capanno in mezzo al bosco, evitata da tutti gli abitanti del piccolo borgo di Saint Rhémy e additata come “strega”. La solitudine, però, a volte le pesa addosso come un macigno, soprattutto da quando Raphaël Rosset se n’è andato. Ogni sera si spinge fino alla fattoria dei Rosset e se ne sta a guardare a lungo la casa dove si aggira sconsolato Yann, il fratello zoppo di Raphaël, il fratello che la odia. Ritornando sul tema dell’amore che dissolve il rapporto tra una comunità e il suo capro espiatorio, Francesca Diotallevi costruisce un romanzo che sorprende per la maturità della scrittura e la solidità della trama, vincitore della Sezione Giovani del «Premio Neri Pozza – Fondazione Pini – Circolo dei Lettori».

 

17.francesca-diotallevi-1600x1024Francesca Diotallevi (1985) è laureata in Scienze dei Beni Culturali e lavora in uno studio legale. Tra le sue opere Le stanze buie, Amedeo, je t’aime e il racconto pubblicato in e-book Le Grand Diable, prequel di Dentro soffia il vento.

 

 

 

Marco Malvestio (1991) è dottorando in letterature comparate all’Università di Padova. Collabora con i blog Carteggi letterari, Formavera, la Balena Bianca, 404: file not found, The Fielder, e con la rivista Pietre colorate. Scrive.

Gabriele Di Fronzo

Il grande animale” (Nottetempo)

con Emmanuela Carbé

Leggi di più

17.il-grande-animaleFrancesco Colloneve, imbalsamatore per mestiere, ha imparato che non c’è modo di scampare alla perdita e dunque tanto vale esercitarsi in tutti quei gesti che aiutino a sopravvivere agli abbandoni. Quando il padre si ammala, la sua memoria tarlata è l’occasione per ricordare insieme mancanze e colpe di cui Francesco porta ancora i segni; Colloneve dovrà usare tutte le sue strategie per trasformare il dolore del lutto in un incantesimo di eternità. In questo suo romanzo di esordio, con una lingua esatta e tagliente – che evoca gli strumenti del suo protagonista – Di Fronzo ci racconta come far sì che ciò che altrimenti subito scomparirebbe, rimanga nostro per sempre.

 

18.1.gabriele di fronzoGabriele Di Fronzo è nato a Torino nel 1984. Collabora con L’Indice dei Libri del Mese. Ha pubblicato racconti su Nuovi Argomenti e Linus. Il grande animale è il suo primo romanzo.

 

 

 

18.b.CarbéEmmanuela Carbé è nata a Verona nel 1983. Ha concluso un dottorato in filologia moderna a Pavia e un master in informatica umanistica ad Arezzo. È borsista per il progetto PAD – Pavia Archivi Digitali, che raccoglie materiali digitali di autori contemporanei. Nel 2002 ha vinto il premio Campiello giovani e nel 2013 ha pubblicato Mio salmone domestico (Laterza), finalista al premio Bergamo. Ha collaborato e scrive su Doppiozero, Nazione Indiana, Nuovi Argomenti e minima&moralia.Nel 2016 pubblicherà il reportage narrativo Gardaland, per Minimum Fax.

Virginia Virilli e Margherita Vicario

Le ossa del Gabibbo” (Feltrinelli)

Musical reading

Leggi di più

18.le-ossa-del-gabibboQuella di Picozzi non è una malattia che si vede subito. Agisce con lentezza. Stanca. Piega. Atterra. Quella di Picozzi è una malattia che cresce insieme allo sguardo curioso, acuto, intelligente della bambina, dell’adolescente, della donna che è sua figlia. Quella di Picozzi è una sclerosi multipla, rigorosamente e violentemente respinta come si respinge un invasore. “Le ossa del Gabibbo” è la storia di questa invasione e della resistenza che ne consegue – paradossale, buffa, commovente.

 

 

 

18.1.virginia virilli2Virginia Virilli (1983) debutta nel 2006 con il suo primo monologo, Mammamiro, a Roma e a New York. Vincitrice del premio Donne e Teatro, nel 2008 è stata segnalata come attrice under 30 al premio Ubu, il maggiore riconoscimento italiano per nuovi interpreti.

 

 

 

20.1.Vicario_Minimal_MusicalMargherita Vicario (1988) è attrice, cantautrice e compositrice. Laureata nel 2009 all’Accademia Europea d’Arte Drammatica, inizia subito a lavorare come attrice, soprattutto per fiction e film per il cinema e la televisione. Nell’edizione 2011 del 48hourFilmProject  si cimenta nel genere Musical con Se riesco parto, un cortometraggio da lei scritto e diretto e vince i premi per Miglior Film, Miglior Attrice Protagonista e Migliori Musiche Originali. È stata finalista del Premio Musicultura 2013 e nel 2014 è uscito il suo primo disco, Minimal Musical, con la produzione artistica di Roberto Angelini e Daniele Rossi.

Vai al programma completo

 

Per informazioni

Ufficio Progetto Giovani
via Altinate, 71 – 35121 Padova
Mail: progettogiovani@comune.padova.it

Pin It