Davide Sgambaro | Quotidiana16

Pin It

sgambaro

Nato a Cittadella (PD) nel 1989, Davide Sgambaro si è laureato presso l’Università IUAV di Venezia in Arti Visive e dello Spettacolo, dove frequenta anche il corso magistrale. Nell’ultimo anno ha esposto alla A+A Gallery di Venezia e frequentato il workshop di Lara Favaretto presso Fondazione Spinola Banna a Poirino (TO); a febbraio parteciperà alla mostra finale della 98ma Collettiva Giovani della Fondazione Bevilacqua la Masa di Venezia mentre a marzo parteciperà alla residenza de La Non-Maison Foundation a Aix-en-Provence, in Francia.

L’artista realizza lavori nati dall’esperienza personale come testimonianza aperta e traccia indelebile del proprio vissuto. Sempre presente nell’opera di Sgambaro una vena tragica che, mischiata all’ironia, da vita ad una narrazione nella quale un ansioso sognatore si fonde con un cinico osservatore. Le istallazioni, spesso site specific, interagiscono nello spazio-tempo andandosi a consumare; alcune scompaiono per riapparire in un secondo momento, altre si autodistruggono. L’artista da un ruolo all’oggetto recuperato quasi fosse il performer del suo passato creando metafore che raccontino un sentimento comune tra l’artista e l’opera finale.

Un affettuoso pensiero

Cartolina, ritaglio di rame, cornice, 51 x 41 cm, 1941-2016

L’opera è un lavoro di ristrutturazione di una cartolina che la bisnonna dell’artista inviò a suo marito nel 1941, poco prima dello scoppio della seconda guerra mondiale. La didascalia sul retro, oltre all’indirizzo della caserma, recita la frase che dà il titolo al lavoro, firmata “Tua Pina”. La cartolina ritrovata porta con sé tutti i segni del tempo: dall’estetica, alla posa pudica della bisnonna, fino all’angolo in basso a sinistra strappato dagli avvenimenti, una sorta di mutilazione dopo l’esperienza dell’avo dell’artista in guerra. Non potendo sapere con certezza come quel pezzo sia scomparso, Davide Sgambaro ricrea una sorta di toppa di rame, come tributo all’amore dei due protagonisti ritratti, nell’abbandono tragico della partenza per il fronte e nella loro ricongiunzione. Il materiale scelto per il piccolo intervento è di un colore caldo ma neutro, che non rappresenta la continuazione di una storia ma solamente l’azione presente (attualmente, inoltre, è un materiale oggetto di discussione, dati i numerosi casi di furto a cui è soggetto).

Il lavoro è dunque una testimonianza sentimentale da parte di una generazione differente rispetto a quella da cui proviene la cartolina, che misconosce l’intimità del reperto e ne dà un contributo prettamente affettivo, un affettuoso pensiero. Due sono le direzioni in cui si muove l’artista: la poesia dell’esperienza e l’indagine sul proprio corpo. I suoi lavori nascono da scritti personali, racconti inventati e ripresi da momenti vissuti. Il corpo è luogo di sperimentazioni, per tentare di superare i limiti psicofisici, di raggiungere l’impossibile per poi ritirarsi; il tutto svolto nell’intimità dello studio che diventa a sua volta protesi e testimone.

Le altre esperienze con Progetto Giovani:

Spazi d'Arte Archiv/io 2016

davide_sgambaro

Spazi d’Arte, la rassegna dedicata ai giovani artisti e operatori culturali del territorio, presenta due lavori, “345:52,35” e “Momento imbarazzante nel quale un essere comprende la propria mortalità“.

345:52,35 è un’opera composta da 292 candeline, dei ventiquattro compleanni dell’artista, conservate accuratamente negli anni dalla madre, che si fondono l’una con l’altra in un unico
contenitore. Le diverse cromie delle cere, si mescolano pittoricamente l’una sull’altra, creando una metaforica stratificazione della memoria e delle speranze inespresse. Questo particolare simulacro del tempo, si confronta con uno più convenzionale: Momento imbarazzante nel quale un essere comprende la propria mortalità, non è altro che un orologio, dove le ore scandite non sono mai quelle reali ma solo un fittizio susseguirsi di attimi casuali.

Nuovi Segnali 2014

sgambaro2014

Nuovi Segnali è una palestra formativa per giovani curatori e artisti che vogliono mettersi alla prova presentandosi al pubblico con un ciclo di esposizioni collettive. La rassegna è organizzata dall’Assessorato alle Politiche Giovanili Ufficio Progetto Giovani del Comune di Padova, in collaborazione con il Dipartimento di Beni Culturali dell’Università di Padova e l’ospitalità di MPX – Multisala Pio X.

Davide Sgambaro, giovane artista emergente, presenta un’opera dal titolo “Nòia (Dialoghi #2)“. Un libro d’artista, con il quale Davide interagisce nel tentativo di fuggire dal sentimento che lo opprime, la noia. Ed è proprio nel confronto tra l’artista e la materia che sta l’unicità del lavoro: la noia non viene raccolta nel libro sotto forma di parole ma nel suo emblema più conosciuto, lo sbadiglio.

Per informazioni

Davide Sgambaro
Email: davide.sgambaro@gmail.com

Pin It