Federica Manzon – La nostalgia degli altri

Pin It

Lunedì 8 maggio alle 18:00, la libreria Feltrinelli di via San Francesco, 4 ospita l’incontro con Federica Manzon per la presentazione del suo nuovo libro, “La nostalgia degli altri“.  Dialoga con l’autrice Valentina Berengo.

L’appuntamento è realizzato in collaborazione con l’Ufficio Progetto Giovani, ultima anticipazione in vista di #giovanipromesse17, il festival dedicato alla giovane narrativa italiana e internazionale che si terrà a Padova l’ultima settimana di maggio.

Il libro

Lizzie è volubile, egoista e piena di fascino, una dittatrice nata, circondata da una fama temeraria fin dall’adolescenza. Adrian è timido, maldestro, incapace di fare una mossa audace, eppure animato da desideri pericolosi. I due si incontrano all’Acquario: una grande industria dell’intrattenimento, un luogo dove si trasformano sentimenti e sogni in mondi digitali. Non si frequentano, ma ogni notte si scrivono. Un guaio per due persone convinte che a raccontare bene una storia la si possa rendere reale. E quanto più i corpi si sottraggono e il contatto virtuale dilaga, tanto più cresce il loro innamoramento. Ma chi è davvero Adrian? Un amante dedito o un tiranno crudele? Una persona in carne e ossa o un fake da social network? E soprattutto, cosa sa Lizzie di lui? Perché non si spaventa quando inizia ad accorgersi che tutto ciò che Adrian ha raccontato di sé manca di coerenza?

Sullo sfondo, una Milano vivida nei suoi tic, le terrazze, gli arrampicatori, l’alcol e le droghe, le notti, e per contro una Trieste selvaggia e poetica da cui si può solo andare via. Milano è ambizione, Trieste è sentimento. Adrian e Lizzie diventano, pagina dopo pagina, personaggi da cui non vorremmo separarci mai. Immersi fino all’osso e malgrado se stessi nella storia del loro amore, nello struggimento per tutto quello che non potrà mai essere, nella nostalgia per un tempo magnifico che è da subito perduto e per sempre rimpianto.

Federica Manzon costruisce un racconto limpido e coinvolgente sull’identità e la necessità di nasconderla, sul nostro presente dove la verità sta sempre dietro uno schermo e l’autenticità appare una questione fuori moda, ma anche sulle nostre infanzie e i giochi dimenticati, sulle regole dell’attrazione. Un romanzo che sente con rarissima precisione la contemporaneità, ma che è prima di tutto una storia sulla fatica di capirsi quando ci si ama, o quando l’amore è solo una storia ben raccontata.

“Nessuno è più irrimediabilmente perduto di due bravi ragazzi che si sono rovinati a vicenda.”

L’autrice

Federica Manzon (Pordenone, 1981), laureata in Filosofia contemporanea, ha pubblicato i suoi racconti sulla rivista Nuovi Argomenti (di cui è redattrice) e sulla webzine italiana Carmilla on line prima di esordire nel 2008 nella raccolta corale “Tu sei lei” e con il romanzo “Come si dice addio”. Nel 2011 il suo secondo romanzo “Di fama e di sventura” ha vinto il Premio Rapallo Carige per la donna scrittrice ed è entrato nella cinquina finalista del Premio Campiello. Nel 2015 ha curato il volume collettivo “I mari di Trieste”. Attualmente editor della Narrativa Straniera a Mondadori, collabora con il quotidiano Il Piccolo e l’organizzazione del festival letterario Pordenonelegge. Con Feltrinelli ha pubblicato “La nostalgia degli altri” (2017).

Valentina Berengo, ingegnere edile di formazione, con PhD in Ingegneria Geotecnica ed esperienza nel campo della progettazione geotecnica, da cinque anni si muove, a diverso titolo, nel settore dell’editoria. Ha ideato un progetto che racconta di ingegneria e letteratura “L’anima cólta dell’ingegnere”(alla terza edizione) e ha fondato insieme a Gioia Lovison “Personal Book Shopper – dimmi chi sei e ti dirò cosa leggere” (www.lepersonalbookshopper.it) un progetto culturale di consigli di lettura, che ha nella radio il suo mezzo di elezione (RadioBue.it, Radio Capital). È l’addetta stampa della casa editrice “L’Iguana”.

Per informazioni

Ufficio Progetto Giovani
via Altinate, 71 -35121 Padova
Tel: 049 8204746
Mail: progettogiovani@comune.padova.it

Pin It