Lavorare alla pari significa vivere presso una famiglia straniera aiutando ad accudire i bambini e svolgendo anche qualche faccenda domestica in cambio di vitto, alloggio e una piccola retribuzione. Il lavoro può essere part-time o full-time e il contratto può prevedere la frequenza di un corso di lingua.

A livello legislativo, i programmi alla pari sono considerati progetti di scambio culturale per l’apprendimento e/o il perfezionamento di una lingua straniera e sono regolamentati in ambito europeo.

Prima di ricercare un’esperienza au pair, è importante tenere a mente che generalmente sono più ricercate le candidate di sesso femminile, ma vi sono comunque delle opportunità aperte anche agli uomini: i Paesi che offrono maggiori possibilità di lavoro per i candidati di sesso maschile sono Francia, Paesi Bassi e Paesi Scandinavi.

Durata

La durata dell’esperienza di lavoro alla pari varia in genere da un minimo di 2 a un massimo di 12 mesi (eventualmente prorogabile per altri 12). Le maggiori richieste per permanenze brevi (2-4 mesi durante l’estate o da agosto/settembre fino a Natale) provengono dalla Gran Bretagna e dall’Irlanda.

Il periodo di permanenza dipende, comunque, dagli accordi presi con l’agenzia o direttamente con la famiglia ospitante.

I requisiti

I requisiti richiesti in genere sono:

  • età compresa tra i 17 e i 30 anni (anche se, nella maggior parte dei paesi, l’età minima è fissata a 18 anni e la massima a 27);
  • essere nubili/celibi e senza figli;
  • conoscere, almeno a livello base, la lingua del Paese in cui si intende soggiornare;
  • patente di guida;
  • esperienza documentabile nell’assistenza ai bambini.

I documenti necessari:

  • certificato di buona salute rilasciato dal proprio medico di base, datato non più di tre mesi prima della candidatura;
  • lettera di presentazione alla famiglia.

Come candidarsi

Per candidarsi come au pair in Europa esistono dei portali specializzati all’interno dei quali è possibile registrarsi e creare il proprio profilo per candidarsi e consultare le offerte inserite da famiglie ospitanti. Un’altra possibilità è rivolgersi ad associazioni che fanno da tramite e che organizzano direttamente i soggiorni alla pari.

I portali

Di seguito, alcuni dei principali portali per il lavoro alla pari:

  • Au pair
    Database on-line per trovare au pair e famiglie ospitanti in tutto il mondo
  • AupairWorld
    Contiene un database nel quale è possibile consultare gli annunci di famiglie ospitanti e quelli dei candidati au pair. I profili sono monitorati dallo staff
  • Find Au Pair
    Ci si può registrare gratuitamente creando il proprio profilo e cercare le famiglie registrate
  • Easy Au Pair
    Motore di ricerca attraverso cui si trovano collocazioni au pair in tutto il mondo

Le associazioni

Di seguito alcune delle principali associazioni di Paesi europei che organizzano soggiorni alla pari:

  • IAPA (International Au Pair Association)
    Associazione attiva in ben 45 Paesi. Il portale ospita un database con molte agenzie internazionali
  • British Au Pair Agencies Association
    L’associazione aderisce all’ECAPS (comitato europeo per gli standard dell’Au Pair) e riunisce agenzie specializzate in collocamento alla pari in Inghilterra
  • Union Francaise des Associations Au Pair
    L’associazione aderisce all’ECAPS (comitato europeo per gli standard dell’Au Pair) e riunisce agenzie per il lavoro alla pari in Francia
  • Au Pair Society
    L’associazione aderisce all’ECAPS (comitato europeo per gli standard dell’Au Pair) e riunisce agenzie per il lavoro alla pari in Germania
  • Au Pair 4 You
    Organizza soggiorni alla pari in Austria

Torna all’indice