Spazi d’Arte – In/Out

Giovedì 4 maggio alle 18:30, l’Ufficio Progetto Giovani del Comune di Padova inaugura la nuova edizione di Spazi d’Arte, “In/Out“. La mostra, a cura di Matilde Cesareo, vede i lavori di Luca Broglia, Serena Pea e Gianna Rubini abitare gli spazi dell’ufficio, al secondo piano del Centro Culturale Altinate San Gaetano.

Sarà visitabile gratuitamente fino al 16 giugno, negli orari di apertura al pubblico.

Il concept

Guardare ciò che ci circonda con sguardo esterno e disinteressato, proteggendoci dalle emozioni, o penetrare la realtà alla scoperta del vero significato di ciò che incontriamo casualmente? La mostra vuole aiutare il visitatore ad abbandonarsi a questa indagine attraverso l’occhio esperto dell’obiettivo della macchina fotografica, per cambiare il proprio punto di vista e riconoscere le barriere che lo impediscono.

Gli artisti e i lavori in mostra

Luca Broglia

Luca Broglia è nato nel 1988 a Desenzano del Garda. Diplomato in discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo all’Università di Padova, si innamora della macchina fotografica e frequenta l’Istituto Italiano di Fotografia a Milano. Attualmente vive e lavora a Budapest.

I suoi lavori, spesso ispirati da musica, cinema, arte e letteratura, sono il risultato di un uso particolare della luce e di un attento studio del setting e delle inquadrature.

A “In/Out” porta Night Rooms.

Serena Pea

Serena Pea è nata nel 1984 e si è formata all’Accademia di Belle Arti specializzandosi in Fotografia. Dopo alcune esperienze in studi fotografici, un fortuito incontro l’ha portata a studiare Fotografia di Scena presso l’Accademia Teatro alla Scala di Milano. Collabora dal 2012 con il Teatro Stabile del Veneto, sviluppando parallelamente progetti artistici.

I suoi lavori personali scaturiscono spesso dai suoi incontri con le persone, da cui cerca di trarre il meglio possibile. Questo aspetto è evidente sia nel lavoro che porta per “In/Out”, Songul, sia nel suo principale lavoro precedente, Everyday Souvenirs. Quest’ultimo è stato scelto tra i 12 vincitori di Giovane Fotografia Europea presso il Festival della Fotografia Europea di Reggio Emilia nel 2014.

Gianna Rubini

Gianna Rubini è nata nel 1993 a Vicenza. Ha frequentato il corso di laurea in Fine and Performative Arts all’Accademia di Belle Arti di Venezia, laureandosi nel 2014. Fa parte del Collettivo Barnum insieme ad altri dieci artisti, con cui, nel 2016, ha esposto a Vicenza con la mostra Entropia e a Venezia con The Elephant in the Room.

Il linguaggio che predilige è quello della fotografia, e a “In/Out” porta due lavori: For Each Piece of You e Fiori nel-per-sul-con-tra cemento.

Spazi d’Arte

Attraverso appuntamenti periodici, l’Ufficio Progetto Giovani si trasforma in open space da vivere e frequentare in modo diverso, diventando luogo d’incontro informale con l’arte emergente; un’opportunità per comprendere nuovi linguaggi artistici e conoscere più da vicino gli artisti che vivono e lavorano in città.

Spazi d’Arte si inserisce nel percorso di promozione della creatività giovanile che, durante tutto l’anno, propone attività di orientamento e formazione per giovani artisti e operatori culturali under 35: momenti di crescita personale, ma anche occasioni per riflettere sul contemporaneo attraverso temi d’interesse per le nuove generazioni.

Gli artisti e gli operatori coinvolti nel progetto Spazi D’Arte provengono dall’Archivio GAI (Giovani Artisti Italiani), un database con più di 600 iscritti, sempre in aggiornamento. L’Associazione GAI – Giovani Artisti Italiani è una realtà nazionale di cui Progetto Giovani è antenna locale.

Per informazioni

Ufficio Progetto Giovani – Area Creatività
via Altinate, 71 – 35121 Padova
Tel: 049 8204795
Mail: pg.creativita@comune.padova.it