Viaggio della Memoria 2020

Pin It

Anche quest’anno, l’ufficio Progetto Giovani del Comune di Padovaorganizza e promuove il Viaggio della Memoria per gli studenti delle scuole secondarie superiori della città.

I due turni di viaggio, dal 12 al 15 gennaio e dal 13 al 16 febbraio 2020, permetteranno a 200 studenti di visitare alcuni dei luoghi simbolo della storia della Shoah, in un percorso di studio e approfondimento che da Padova toccherà Budapest, Auschwitz-Birkenau e Vienna.

Gli studenti provengono da diversi indirizzi di studio e sono selezionati per merito e motivazione, a comporre piccole delegazioni in rappresentanza di quattordici scuole padovane.

Gli incontri preparatori

Studenti e insegnanti accompagnatori sono invitati a partecipare a due momenti di approfondimento, pensati come formazione prima della partenza e riflessione dopo il ritorno. Ogni istituto, poi, è invitato a prevedere un momento di restituzione interno, per condividere la testimonianza di questa esperienza con quanti non abbiano partecipato al Viaggio.

Gli incontri sono a cura di Chiara Becattini, dottoressa di ricerca in Storia contemporanea all’Università di Padova, dove ha discusso un lavoro di ricerca svolto in cotutela con l’Université Paris 8 – Vincennes Saint Denis, sotto la guida dei professori Simon Levis Sullam e Marie-Anne Matard-Bonucci. La sua tesi, “Storia della memoria di quattro ex campi di transito e concentramento in Italia e in Francia tra il 1945 e il 2012“, le è valso nel 2019 il prix de la Fondation Auschwitz di Bruxelles.

2 dicembre – 15:00 | Auditorium Centro Culturale Altinate San Gaetano

La risiera di San Sabba

a cura di Chiara Becattini

21 gennaio – 15:00 | Auditorium Centro Culturale Altinate San Gaetano

Il negazionismo

a cura di Chiara Becattini

Scarica il libretto del Viaggio

Il viaggio della Memoria

Dal 2005, il Comune di Padova realizza il Viaggio della Memoria, per avvicinare gli studenti a questi temi e sensibilizzarli al ruolo di rappresentanti della propria scuola e della città.

Il percorso di più di duemila chilometri prevede che i pullman diventino, per l’occasione, vere e proprie aule viaggianti. I trasferimenti sono momenti di approfondimento sui temi della cultura ebraica, della Shoah e del valore e dell’esempio dei Giusti, grazie agli interventi e alle riflessioni dell’ingegnere Davide Romanin Jacur, ex presidente della Comunità Ebraica di Padova, della professoressa Chiara Saonara e di Luciana Amadio Perlasca della Fondazione Perlasca.

Il primo giorno di viaggio viene impiegato per raggiungere Budapest dove, nel tardo pomeriggio, si incomincia la visita ai luoghi di Giorgio Perlasca, il Giusto che durante la seconda guerra mondiale salvò la vita di oltre cinquemila ebrei ungheresi: il Bastione dei Pescatori, la Nunziatura, le Case protette. La visita continua con una sosta al Monumento delle Scarpe sulla sponda del Danubio e al Ponte delle Catene. L’intero percorso è accompagnato dalle letture tratte dal diario di Perlasca.

Il secondo giorno riprende la visita sulle tracce di Giorgio Perlasca, con la visita esterna dell’Ambasciata di Spagna, della Casa del Terrore e dell’Istituto italiano di Cultura, per concludersi poi al giardino della Sinagoga dove è stato realizzato il cosiddetto “Albero della Vita”. Nel pomeriggio si riparte per Oswiecim.

Il terzo giorno è interamente dedicato alla visita guidata dell’ex campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau, agli approfondimenti e alle riflessioni sulla tragedia della Shoah. Il viaggio riprende nel pomeriggio, per raggiungere Vienna in serata.

Il quarto giorno prevede una visita tematica di Vienna, dedicata ai luoghi protagonisti delle vicende della Seconda Guerra Mondiale e della Shoah, come il Monumento alle vittime ebraiche austriache della Shoah, posto nella Judenplatz e il Castello di Schönbrunn. Nel pomeriggio si riparte in direzione Padova, che sarà raggiunta solo in tarda serata.

Per informazioni
Ufficio Progetto Giovani
via Altinate, 71 – 35121 Padova
E-mail: progettogiovani.scuola@comune.padova.it

Pin It