Q a parole – Fondi europei e rigenerazione urbana

Pin It

europa

Mercoledì 6 aprile alle 18:00 si terrà il primo appuntamento di Quotidiana a parole, dal titolo “Fondi europei e rigenerazione urbana“, a cura di Silvia Bighi; dialogherà con lei il mentore Alex Fubini, Politecnico di Torino.

L’incontro si terrà presso la saletta al piano terra del Centro Culturale Altinate San Gaetano. La partecipazione è gratuita, ma è consigliata la registrazione online. Seguirà un aperitivo informale negli spazi della mostra, alla presenza delle curatrici.

Iscriviti qui

L’incontro

Il contributo presenta una riflessione sul ruolo dell’Unione europea nella rigenerazione delle «aree urbane in crisi» attraverso i Fondi Europei (o Fondi Strutturali). Focus principale dell’intervento sarà una lettura all’interno di tali policies a favore delle città in situazione di svantaggio, del concetto di fairness.

La rigenerazione è un processo multidimensionale e integrato, in cui gli elementi della riqualificazione urbanistica e architettonica si intrecciano strettamente con quelli dell’economia, della cultura e dell’organizzazione sociale della città, è oggetto da tempo di crescente interesse e, alla data attuale, di vivace confronto. Negli ultimi anni l’Unione Europea si è attivata sulla questione urbana più di quanto previsto dalle attribuzioni formali dei Trattati (Cremaschi, 2005). Le politiche per la città (in difficoltà) si inseriscono infatti pienamente all’interno del principio cardine della coesione territoriale: «assicurare uno sviluppo armonioso del territorio dell’Unione [obiettivo già presente all’interno del Trattato sull’Unione, 1993] e garantire che gli abitanti possano trarre il massimo beneficio dalle caratteristiche intrinseche dei luoghi» (CE, 2008).

La politica di coesione, pilastro della costruzione europea insieme al mercato unico e all’unione monetaria, è l’unica che affronta in modo esplicito le disuguaglianze economiche e sociali, attraverso il trasferimento di risorse (Fondi Strutturali) tra Stati membri con la finalità di promuovere lo sviluppo sostenibile nei territori svantaggiati, come le «aree urbane in crisi».

Silvia Bighi

Laureata in Architettura (2003) al Politecnico di Torino con una tesi sul Programma Urbano, ha proseguito il percorso di studi sul tema della rigenerazione urbana mediante Fondi Europei con la Tesi di Dottorato (2009), rileggendo l’esperienza dei Programmi Urbani in Italia attraverso le teorie della Giustizia Sociale. Il percorso di ricerca si è mosso da temi puramente urbanistici, all’analisi delle politiche pubbliche con una certa attenzione al tema della Valutazione soprattutto ex-post.

Ha collaborato con Città di Torino per il Monitoraggio del Programma “Urban Barriera di Milano” e con la Regione Piemonte per la Valutazione dei PISL-Programmi Integrati di Sviluppo Urbano. Tra le pubblicazioni sul tema città, svantaggio, povertà urbana, aree dismesse, l’ultima sul ruolo della giustizia spaziale nella valutazione delle politiche pubbliche territoriali. Attualmente affianca all’attività di ricerca quella di Architetto.

Per informazioni

Ufficio Progetto Giovani – area Creatività
Via Altinate, 71 – 35121 Padova
Tel.+39 049 8204795 Fax +39 049 8204747
e-mail: pg.creativita@comune.padova.it

Pin It