Estero_ErasmusPlus

Erasmus+ è il programma dell’Unione Europea a favore dell’istruzione, della formazione, dei giovani e dello sport.

Per il periodo 2014-2020, il programma darà l’opportunità a oltre 4 milioni di persone – fra cui studenti, tirocinanti, insegnanti e volontari – di acquisire esperienza e competenze tramite percorsi di studio, formazione e volontariato all’estero.

Oltre a prevedere azioni di sostegno alla mobilità individuale, Erasmus+ favorisce la creazione e il miglioramento di partnership strategiche tra istituzioni e organizzazioni nei settori dell’istruzione, della formazione e del mondo del lavoro. Promuoverà la riforma dei sistemi di istruzione con l’obiettivo di innovare le pratiche di insegnamento, per offrire ai giovani le competenze necessarie per affermarsi nel mondo del lavoro.

Altra novità del programma sono i finanziamenti previsti per il settore dedicato allo sport. In particolare, verranno sostenuti i progetti di sport di base che intendono contrastare il doping, le partite truccate e il razzismo.

Al fine di promuovere l’occupazione e incentivare l’innovazione e lo spirito imprenditoriale, saranno concessi finanziamenti a nuovi partenariati innovativi: le alleanze della conoscenza e le alleanze delle abilità settoriali tra il mondo dell’istruzione e quello del lavoro, consentendo di elaborare nuovi curricula secondo specificità settoriali.

Il Programma è gestito dalla Commissione europea, DG Istruzione e Cultura, in cooperazione con gli Stati Membri, con l’assistenza dell’Agenzia esecutiva per l’istruzione, gli audiovisivi e la cultura e delle Agenzie nazionali dei diversi Paesi partecipanti.

Gli obiettivi di Erasmus+

  • Aiutare i giovani ad acquisire competenze aggiuntive tramite lo studio e la formazione all’estero
  • Innalzare la qualità dell’insegnamento in Europa e oltre
  • Supportare gli Stati membri e i Paesi partner nella modernizzazione dei sistemi di istruzione e della formazione professionale
  • Promuovere la partecipazione dei giovani nella società
  • Sostenere l’insegnamento e la ricerca sull’integrazione europea
  • Sostenere gli sport popolari

Possono partecipare al programma:

  • i 28 Stati Membri dell’Unione europea;
  • i Paesi in via di adesione, i Paesi candidati e i candidati potenziali che beneficiano di una strategia di preadesione: Turchia ed ex Repubblica iugoslava di Macedonia;
  • i Paesi membri dell’Associazione europea di libero scambio (EFTA) che hanno sottoscritto l’Accordo dello Spazio economico europeo (SEE): Islanda, Liechtenstein, Norvegia;
  • la Confederazione elvetica.

Gli altri Paesi extra UE possono diventare “Paesi partecipanti” e partecipare al programma se sussistono determinate condizioni.

Struttura del programma

Il programma si struttura in tre azioni chiave, “Key  Activities”, e due azioni specifiche:

  • Azione chiave 1 – Mobilità individuale ai fini di apprendimento: mobilità degli studenti e del personale, mobilità a livello di master e mobilità dei giovani;
  • Azione chiave 2 – Cooperazione per l’innovazione e lo scambio di buone pratiche;
  • Azione chiave 3 – Sostegno alla riforma delle politiche;
  • Azione specifica 1: Jean Monnet – Promozione dell’eccellenza negli studi di integrazione europea nell’istruzione superiore;
  • Azione specifica 2 – Sport.
Dettagli »

Gli sportelli dedicati di Progetto Giovani

L’Ufficio Progetto Giovani mette a disposizione due servizi di consulenza individuale gratuita per giovani under 35 che vogliano conoscere le opportunità di mobilità internazionale adatte alle prospettive di ciascuno:

  • Sportello Spazio Europa, dedicato alla promozione e alla realizzazione di progetti europei per la mobilità giovanile;
  • Sportello Eurodesk, per conoscere le opportunità di mobilità promosse dai network Eurodesk, Europe Direct e non solo.

Link utili