Joshua Cohen, “Un’altra occupazione” – #giovanipromesse18

Pin It

Mercoledì 16 maggio – ore 18:30

Joshua Cohen

“Un’altra occupazione” (Codice)

con Giulio D’Antona

Spazio 35 – Centro Culturale Altinate San Gaetano

Torna al programma completo

Il libro

Israele, 2015. Veterani dell’ultima guerra di Gaza ad appena ventun anni, Yoav e Uri hanno terminato il servizio militare obbligatorio nelle forze militari israeliane. Durante il tradizionale anno di riposo e recupero decidono di trasferirsi a New York, dove cominciano a lavorare per un lontano cugino di Yoav: David King, ebreo, repubblicano per convenienza, orgoglioso patriota e titolare della ditta di traslochi King.

I due amici faticano a ritrovare il passo della vita civile dopo gli orrori della guerra, anche perché il lavoro consiste principalmente nel buttare giù porte negli angoli più poveri del Bronx, di Brooklyn e del Queens, sbattere fuori casa gli inquilini morosi e confiscarne i beni. Difficile insomma per Yoav e Uri evitare una sinistra sovrapposizione tra il passato in Israele e il presente nella Grande Mela. E quella che comincia come un’attività tutto sommato innocua, anche se stranamente familiare (un’altra “occupazione”), si trasforma in una situazione carica di tensione, quando entra in scena un proprietario di casa in cerca di vendetta.

L’autore

Joshua Cohen (1980) è uno scrittore americano, conosciuto principalmente per “Witz” (2010) e “Book of Numbers” (2015). I suoi libri hanno ricevuto molte lodi: “Witz” è stato nominato Best Book of 2010 dal Village Voice. “Four New Messages” è stato nominato Best Book of 2012 dal New Yorker. “Book of Numbers” è stato nominato Best Book of 2015 da Wall Street Journal, NPR e New York Magazine.

I suoi saggi sono apparsi su Harper’s, The New York Times, The New York Times Book Review, Bookforum, The Jewish Daily Forward, Nextbook, Tablet Magazine, Triple Canopy (online magazine), Denver Quarterly, The Believer, The New York Observer, The London Review of Books, N+1 online, Guernica Magazine’, e altri.

Il moderatore

Giulio D’Antona (Milano 1984) ha iniziato come editor a Linkiesta, poi come corrispondente per LK da New York, quindi per L’Espresso, Pagina99 e infine Rolling Stone. Si è occupato soprattutto di letteratura americana, ma anche di cinema e cultura più in generale. Ha scritto un reportage narrativo con materiali raccolti nel corso di circa cinque anni di lavoro sulla vita di scrittori americani, pubblicato da minimum fax col titolo “Non è un mestiere per scrittori”. Sempre dalla sua esperienza americana nascerà il libro a cui sta lavorando, che segue le orme di uno dei più importanti giornalisti narrativi della storia, il dr. Hunter S. Thompson. Attraverso un viaggio tra West e Midwest si propone di raccontare Hunter S. Thompson ma anche l’America cambiata e radicalizzata dei nostri anni, molto simile proprio a quella che Hunter S. Thompson ha raccontato.

Per informazioni

Ufficio Progetto Giovani
via Altinate, 71 – 35141 Padova
Mail: progettogiovani@comune.padova.it

Pin It