Yewande Omotoso – La signora della porta accanto

Pin It

Domenica 6 maggio alle 11:00, l’Ufficio Progetto Giovani del Comune di Padova ospita la scrittrice sudafricana Yewande Omotoso per la presentazione del suo nuovo romanzo, “La signora della porta accanto” (66thand2nd). Dialoga con l’autrice Giulia D’Agostini.

L’appuntamento si svolgerà presso la libreria Feltrinelli di via San Francesco, 7. L’ingresso è libero e gratuito.

La presentazione anticipa la nuova edizione della rassegna “Da giovani promesse…“, festival letterario dedicato alla giovane narrativa italiana e internazionale, che si svolgerà a Padova dal 16 maggio al 1 giugno.

Il libro

Hortensia è nera e scontrosa, Marion bianca e snob. Da quasi vent’anni vivono una accanto all’altra a Katterijn, un’enclave di una quarantina di case in un sobborgo di Città del Capo. Vent’anni di ostilità e disprezzo reciproco, di futili litigi, di «commenti maligni». Ad accomunarle è il successo ottenuto sul lavoro, in un’epoca in cui le donne in carriera erano rare: se Marion è riuscita ad aprire uno studio di architettura con più di trenta impiegati, Hortensia ha fondato un’azienda tessile diventando una «guru del design».

Ormai ottantenni e fresche di vedovanza, le due «vecchiette» continuano a detestarsi apertamente finché un evento inaspettato non le costringe a una convivenza forzata. Così, tra i timidi tentativi di Marion di creare una complicità «alla Thelma & Louise» e la burbera ritrosia di Hortensia, i battibecchi quotidiani si addolciscono e i rancori si trasformano lentamente nel terreno comune tra due donne capaci di farsi strada, in modi opposti, negli anni difficili dell’apartheid.

Con sguardo lieve e senza mai perdere l’ironia, Yewande Omotoso dà vita a un racconto sull’emancipazione femminile, sull’impatto del colonialismo nella società sudafricana e, soprattutto, su una materia spesso elusiva: l’amicizia.

L’autrice

Nata alle Barbados e cresciuta in Nigeria, Yewande Omotoso (1980) si è trasferita in Sudafrica con la famiglia nel 1992.

Orgogliosa della sua molteplice identità culturale, Omotoso ha pubblicato il suo primo libro, “Bom boy”, nel 2011, aggiudicandosi il South African Literary Award per la miglior opera d’esordio, a cui è seguito, nel 2016, “La signora della porta accanto”, che è entrato nella longlist del Baileys Women’s Prize for Fiction 2017 e dell’International Dublin Literary Award 2018.

Con Omotoso dialoga Giulia D’Agostini, docente di Lingua e civiltà inglese nella scuola secondaria di II grado. Ha conseguito un dottorato in Scienze linguistiche, filologiche e letterarie presso l’Università di Padova (2013) con una tesi, dal titolo “War-scapes: The Nigerian Postcolony and the Boundaries of the Human”, sul rapporto tra soggettività e sovranità nella letteratura nigeriana contemporanea. Cultore della materia presso il Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari dell’Università di Padova, i suoi interessi di ricerca si articolano all’intreccio tra teoria critica postcoloniale, letteratura postcoloniale e diritti umani.

Per informazioni

Ufficio Progetto Giovani
Via Altinate, 71 – 35121 Padova
Mail: progettogiovani@comune.padova.it

Pin It