Progetto Giovani – Le ultime disposizioni

Pin It

Ultimo aggiornamento: 25 novembre 2020

La sede di Progetto Giovani in via Altinate, 71 è aperta al pubblico per consulenze su appuntamento e per lo svolgimento dei tandem linguistici individuali, nel rispetto delle norme igieniche e sul distanziamento fisico.

Gli utenti devono indossare la mascherina e provvedere all’igenizzazione delle mani. Non è possibile utilizzare i tavoli per lo studio, consultare giornali e materiale informativo, né usare le postazioni informatiche.

Le nuove disposizioni

Per contenere e gestire l’emergenza epidemiologica da COVID-19, lo stato di emergenza è stato prorogato fino al 31 gennaio 2021. Le nuove disposizioni, introdotte con il DPCM del 3 novembre e relativi allegati, sono in vigore dal 6 novembre al 3 dicembre.

Dal 26 novembre al 4 dicembre, inoltre, è in vigore l’ordinanza della Regione Veneto n. 156.

Il nuovo DPCM suddivide il Paese in tre aree di criticità, all’interno delle quali sono previste ulteriori misure restrittive. Attualmente, il Veneto rientra nell’area gialla.

Consulta le FAQ sulle misure adottate dal Governo Consulta i chiarimenti sull’ordinanza regionale
Leggi di più

Mascherine

È obbligatorio, dall’8 ottobre 2020, avere sempre con sé un dispositivo di protezione delle vie respiratorie, con l’obbligo di indossarlo nei luoghi al chiuso diversi dalle abitazioni private e in tutti i luoghi all’aperto a eccezione dei casi in cui, per le caratteristiche dei luoghi o per le circostanze di fatto, sia garantita in modo continuativo la condizione di isolamento rispetto a persone non conviventi.

Vanno sempre rispettati i protocolli e le linee guida anti-contagio previsti per le attività economiche, produttive, amministrative e sociali, nonché le linee guida per il consumo di cibi e bevande.

Sono esclusi da questi obblighi:

  • i soggetti che stanno svolgendo attività sportiva;
  • i bambini di età inferiore ai sei anni;
  • i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina, nonché coloro che per interagire con i predetti versino nella stessa incompatibilità.

È fortemente raccomandato l’uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie anche all’interno delle abitazioni private in presenza di persone non conviventi.

Possono essere utilizzate anche mascherine di comunità, ovvero mascherine monouso o mascherine lavabili, anche auto-prodotte, in materiali multistrato idonei a fornire una adeguata barriera e, allo stesso tempo, che garantiscano comfort e respirabilità, forma e aderenza adeguate che permettano di coprire dal mento al di sopra del naso.

L’utilizzo dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie si aggiunge alle altre misure di protezione finalizzate alla riduzione del contagio (come il distanziamento fisico e l’igiene costante e accurata delle mani) che restano invariate e prioritarie.

Le sanzioni applicabili vanno da un minimo di 400 euro a un massimo di 1.000 euro (art. 4 del decreto legge n. 19/2020).

Ai sensi dell’ordinanza regionale n. 156 del 24/11/2020: l’abbassamento momentaneo della mascherina per la regolare consumazione di cibo o bevande o per il consumo di tabacchi deve, in ogni caso, essere rigorosamente limitato temporalmente alla consumazione e deve comunque avvenire nel rispetto della distanza minima di un metro, sia seduti che, quando ammesso, in piedi, salvo quanto disposto dai protocolli vigenti o da specifiche previsioni maggiormente restrittive.

Ai sensi dell’ordinanza del Sindaco del Comune di Padova n. 53 del 20/11/2020: è vietato, su tutto il territorio comunale, fumare in corrispondenza e nei pressi delle fermate del trasporto pubblico locale e nelle aree prospicienti e prossime gli istituti scolastici. È, inoltre, obbligatorio rispettare il distanziamento interpersonale di almeno 3 metri tra il fumatore e ogni altra persona presente, fatti salvi plateatici e aree di somministrazione dei pubblici esercizi dove trova applicazione il distanziamento interpersonale di almeno 1 metro.

Spostamenti

Dalle 22:00 alle 5:00 del giorno successivo sono consentiti esclusivamente gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, da situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. Chi si sposta dopo le ore 22:00 e fino alle 5:00 deve essere munito del modulo di autocertificazione, da esibire in caso di controllo da parte delle forze dell’ordine.

È in ogni caso fortemente raccomandato, per la restante parte della giornata, di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi.

Delle strade o piazze nei centri urbani, dove si possono creare situazioni di assembramento, può essere disposta per tutta la giornata o in determinate fasce orarie la chiusura al pubblico, fatta salva la possibilità di accesso e deflusso, agli esercizi commerciali legittimamente aperti e alle abitazioni private.

Mercati all’aperto

I mercati di Padova continuano a restare aperti, con perimetrazione dell’area, varchi di accesso e scaglionamento degli ingressi da parte di personale dedicato. Ai cittadini viene chiesto di rispettare tutte le indicazioni previste per evitare assembramenti.

Attività sportive

È consentito svolgere attività sportiva o attività motoria all’aperto, anche presso aree attrezzate e parchi pubblici, nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri per l’attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività.

Sono sospese tutte le attività sportive di contatto, comprese le gare, le competizioni e le attività connesse.

Ai sensi dell’ordinanza regionale n. 156 del 24/11/2020: è consentito svolgere attività sportiva, attività motoria e passeggiate all’aperto, presso parchi pubblici, aree verdi, rurali e periferiche, nel rispetto della distanza di sicurezza di almeno due metri per l’attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività e, in ogni caso, al di fuori delle strade, piazze del centro storico della città, delle località turistiche e delle altre aree solitamente affollate, tranne che per i soggetti residenti o alloggiati in tali aree.

Attività commerciali

È obbligatorio esporre, nei locali pubblici e aperti al pubblico e in tutti gli esercizi commerciali, un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale.

Le attività commerciali al dettaglio si svolgono assicurando la distanza interpersonale, ingressi dilazionati e rispetto dei protocolli. Nelle giornate festive e prefestive sono chiusi gli esercizi commerciali presenti all’interno dei centri commerciali e dei mercati, a eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, tabacchi ed edicole.

Le attività inerenti ai servizi alla persona sono consentite a condizione che le Regioni e le Province autonome abbiano preventivamente accertato la possibilità dello svolgimento.

Ai sensi dell’ordinanza regionale n. 156 del 24/11/2020: l’accesso agli esercizi di vendita di generi alimentari è consentito ad una persona per nucleo familiare, salva la necessità di accompagnare persone non autosufficienti o con difficoltà motorie ovvero minori di età inferiore a 14 anni. È fortemente raccomandato agli esercenti di riservare l’accesso agli esercizi commerciali di grandi e medie strutture di vendita ai soggetti con almeno 65 anni, nelle prime due ore di apertura dell’esercizio stesso.

Nei giorni prefestivi le grandi e medie strutture di vendita, sia con un esercizio unico, sia con più esercizi, compresi i complessi commerciali e i parchi commerciali, sono chiuse al pubblico, salvo che per la vendita di generi alimentari, le farmacie, le parafarmacie, le tabaccherie e le edicole. Nei giorni festivi è inoltre vietato ogni tipo di vendita, anche in esercizi di vicinato, al chiuso o su area pubblica, fatta eccezione per le farmacie, le parafarmacie, le tabaccherie, le edicole e la vendita di generi alimentari.

Bar e ristoranti

Le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono consentite dalle 5:00 sino alle 18:00 con consumo al tavolo, e con un massimo di 4 persone per tavolo salvo che siano tutti conviventi.

Dopo le ore 18:00 è vietato il consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico. Resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio sia per l’attività di confezionamento che di trasporto, nonché, fino alle ore 22:00 la ristorazione con asporto.

Ai sensi dell’ordinanza regionale n. 156 del 24/11/2020: dalle 15:00 fino alla chiusura dell’esercizio, l’attività di somministrazione di alimenti e bevande si svolge esclusivamente con consumazione da seduti sia all’interno che all’esterno dei locali, su posti regolarmente collocati. È vietata la consumazione di alimenti e bevande all’aperto su area pubblica o aperta al pubblico, salvo che sulle sedute degli esercizi e secondo le modalità sopra descritte o per la consumazione dei prodotti da asporto quali gelati, pizze ecc., da consumare nell’immediatezza dell’acquisto e allontanandosi dall’esercizio per evitare assembramenti.

Gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande devono assicurare che il menu sia offerto su supporto digitale o su supporto usa e getta, che non sia attuata nessuna forma di buffet, che sia costantemente rispettata la distanza interpersonale di almeno un metro e che presso ciascun tavolo non siano seduti più di quattro soggetti tra loro non conviventi; la mascherina va utilizzata in tutti gli spostamenti; il liquido igienizzante deve essere disponibile in entrata, sui tavoli e nei bagni.

Palestre e piscine

Sono sospese le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali, nonché centri culturali, centri sociali e centri ricreativi.

Manifestazioni pubbliche e feste

Le manifestazioni pubbliche sono consentite soltanto in forma statica, a condizione che vengano osservate le distanze sociali prescritte e le altre misure di contenimento. Sono vietate le feste nei luoghi al chiuso e all’aperto, comprese quelle conseguenti alle cerimonie civili e religiose.

Sono sospese le attività nelle sale da ballo, discoteche e locali assimilati, all’aperto o al chiuso. Tutte le cerimonie pubbliche si svolgono nel rispetto dei protocolli e linee guida vigenti e in assenza di pubblico.

Nelle abitazioni private, è fortemente raccomandato di non ricevere persone diverse dai conviventi, salvo che per esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza.

Cinema e teatri

Sono sospesi gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all’aperto.

Fiere, sagre e convegni

Sono vietate le sagre, le fiere di qualunque genere e gli altri analoghi eventi. Sono sospesi i convegni e i congressi, ad eccezione di quelli che si svolgono con modalità a distanza.

Musei e luoghi della cultura

Sono sospese le mostre e i servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura. 

Scuole

Le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado adottano forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica, in modo che il 100% delle attività sia svolta tramite il ricorso alla didattica digitale integrata. Resta salva la possibilità di svolgere attività in presenza nel caso sia necessario l’uso di laboratori o attività educativa per alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali, garantendo comunque il collegamento online con gli alunni della classe che sono in didattica digitale integrata.

L’attività didattica ed educativa per la scuola dell’infanzia, il primo ciclo di istruzione e per i servizi educativi per l’infanzia continua a svolgersi in presenza, con uso obbligatorio di dispositivi di protezione delle vie respiratorie salvo che per i bambini di età inferiore ai sei anni e per i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina.

Ai sensi dell’Ordinanza Regionale n.152 del 12/11/2020, sono sospese nelle scuole di primo ciclo scolastico (primarie e secondarie di primo grado) le seguenti tipologie di insegnamento a rischio elevato: educazione fisica, lezioni di canto e lezioni di strumenti a fiato.

L’Ulss 6 Euganea mette a disposizione sul proprio sito informazioni per la comunità scolastica, con punti e orari dove eseguire i test per la diagnosi di positività al Coronavirus.

Trasporto pubblico

A bordo dei mezzi pubblici del trasporto locale e del trasporto ferroviario regionale, con esclusione del trasporto scolastico dedicato, è consentito un coefficiente di riempimento non superiore al 50%.

Ai sensi dell’ordinanza regionale n. 156 del 24/11/2020: è obbligatorio l’uso della mascherina in tutti i mezzi di trasporto pubblici ed in quelli privati in presenza di non conviventi.

Approfondimenti

Gli orari di apertura

Via Altinate, 71

  • lunedì, mercoledì e venerdì: 10:00-13:00
  • martedì e giovedì: 10:00-13:00 / 15:00-17:30

Negli stessi orari, è possibile contattare telefonicamente gli operatori dell’area Informagiovani al numero 049 8204742.

PG Toselli 3.0, piazza Caduti della Resistenza, 7

Da venerdì 23 ottobre, il PG Toselli 3.0 di piazza Caduti della Resistenza è chiuso per trasloco.

Durante il periodo di chiusura, alcuni servizi del PG Toselli vengono erogati presso la sede di Progetto Giovani in via Altinate, 71.

Aula studio

L’aula studio al piano terra del Centro Culturale Altinate San Gaetano è aperta con il seguente orario:

  • lunedì, mercoledì e venerdì: 8:00 – 14:30
  • martedì e giovedì: 8:00 – 17:00

I servizi attivi

I servizi dell’ufficio Progetto Giovani sono ripresi in modalità mista, sia in presenza che a distanza:

  • gli sportelli e le consulenze sono accessibili in presenza, previo appuntamento. Gli operatori rimangono a disposizione anche per consulenze in via telematica;
  • incontri, corsi e workshop si svolgono in videoconferenza su piattaforme gratuite;
  • i tandem linguistici di gruppo si svolgono online;
  • i tandem linguistici individuali continuano a svolgersi in presenza.

Per informazioni su attività specifiche, inoltre, è possibile fare riferimento a ciascuna area operativa.

Tutti i contatti

Per esigenze amministrative, è possibile contattare:

Per informazioni
Ufficio Progetto Giovani
via Altinate, 71 – 35121 Padova
Mail: progettogiovani@comune.padova.it

Pin It