Giulia Caminito #giovanipromesse20

Pin It

Giulia Caminito è nata a Roma nel 1988 e si è laureata in Filosofia politica. La famiglia di sua madre è originaria di Serra de’ Conti nelle Marche; il suo bisnonno, Nicola Ugolini, fu un fervente anarchico anticlericale di cui si persero le tracce in Germania.

Ha esordito con il romanzo “La Grande A” (Giunti, 2016), dedicato alla vita di due donne italiane nelle ex colonie di Etiopia e Eritrea, con cui ha vinto il Premio Bagutta Opera Prima, il Premio Giuseppe Berto e il Premio Brancati giovani.

Un giorno verrà” (Bompiani, 2019) è il suo secondo romanzo, con cui ha scelto di dare voce a chi non l’ha mai avuta, a chi è ultimo per nascita o per scelta: e si è misurata così con il grande tema della fede, della speranza salvifica in un mondo migliore.

A dicembre 2018 ha pubblicato il suo primo libro per bambini, “La ballerina e il marinaio” (Orecchioacerbo) con le illustrazioni di Maja Celjia al quale nel 2020 è seguito “Mitiche. Storie di donne nella mitologia greca”(La Nuova Frontiera).

A febbraio 2020 è uscito per Giunti “I delitti di Monteverde”. La prima indagine di Gerarda Greco, scritto a quattro mani con la madre, Stefania Fabri, con lo pseudonimo di Adele Colgada.

Alcuni suoi racconti e articoli sono stati pubblicati su riviste e quotidiani come Lo Straniero, Gli Asini, Nuovi Argomenti, il manifesto e Il Sole 24 Ore. Collabora anche con Letterate Magazine, la rivista online della Società Italiana delle Letterate, di cui fa parte. Ha lavorato nel mondo dell’editoria specializzandosi soprattutto in narrativa italiana contemporanea e del Novecento e in narrativa per ragazzi.

Scopri tutta la rassegna

La video intervista

Per informazioni
Ufficio Progetto Giovani
via Altinate, 71 – 35121 Padova
Mail: progettogiovani@comune.padova.it

Pin It