Lavoro_stagionale

Il lavoro stagionale è un lavoro a tempo determinato che si svolge prevalentemente durante specifici periodi dell’anno: estivo e invernale.

Per cercare un lavoro stagionale è necessario muoversi per tempo, con alcuni mesi di anticipo rispetto al periodo in cui si è effettivamente disponibili: il periodo migliore per iniziare la ricerca di un lavoro estivo è marzo/aprile mentre, per il periodo invernale, è settembre/ottobre. La ricerca di lavoro richiede tempo, risorse, molta buona volontà e tanta costanza.

Per poter essere assunti occorre aver compiuto 16 anni e dimostrare di aver osservato per almeno 10 anni le norme sull’obbligo scolastico. Nonostante ciò, la gran parte dei datori di lavoro preferisce assumere personale maggiorenne.

Alcuni fattori da considerare

I fattori basilari da considerare nel caso si fosse interessati a svolgere un lavoro stagionale sono:

  • effettiva disponibilità di tempo (ad es. 15 giorni o tutta l’estate?);
  • possibilità di spostamento (zone limitrofe, altre regioni italiane, estero);
  • livello di conoscenza delle lingue straniere;
  • abilità, meglio se certificate (ad es. brevetti sportivi);
  • esperienza pregressa (lavorativa o di volontariato).

Settori

I settori nei quali è più facile inserirsi e i profili professionali maggiormente richiesti sono:

  • alberghiero/ristorazione: camerieri, baristi, cuochi, aiuto cuochi, gelatai, pizzaioli, addetti alla reception;
  • socio-educativo: animatori ed educatori con bambini e ragazzi, accompagnatori di anziani o disabili;
  • turistico: accompagnatori turistici, animatori, istruttori sportivi, ballerini, bagnini;
  • agricolo: addetti raccolta frutta e verdura.

Normalmente, a un lavoratore stagionale viene richiesto un impegno costante e continuativo per tutta la durata del contratto. È importante non confondere la ricerca di un lavoro stagionale con quella di un lavoro occasionale, che ha forme contrattuali saltuarie e una minore richiesta d’impegno.

Lavoro temporaneo all’estero

Il lavoro temporaneo all’estero può essere un’interessante esperienza per chi studia e vuole dedicare un periodo dell’anno, solitamente durante l’estate, a conoscere un altro Paese, migliorare la conoscenza di luna lingua straniera e arricchire il proprio curriculum.

Agenzie

Oltre ai siti istituzionali, un modo per cercare un lavoro temporaneo all’estero è rappresentato dalle agenzie private. In questo caso sarà richiesta una disponibilità di almeno tre mesi. Le agenzie, oltre che al servizio di ricerca lavoro forniscono assistenza nella sistemazione in strutture o famiglie selezionate.

I servizi offerti da queste agenzie sono a pagamento ma garantiscono l’assistenza per il disbrigo delle pratiche burocratiche e per l’organizzazione dei colloqui di lavoro. Sarà poi il candidato a mettere in campo la propria abilità per farsi assumere.

In genere, i settori con maggiore offerta sono quelli legati al turismo, alla grande distribuzione o i lavori alla pari. Gli stipendi possono variare in relazione alla conoscenza della lingua e all’esperienza. Molte agenzie offrono la formula Work & Study dove a un lavoro si abbina un corso di lingua.

Maggiori informazioni sulle opportunità all’estero sono disponibili all’interno della nostra guida al lavoro stagionale.

Come candidarsi

La candidatura, per qualsiasi lavoro tu voglia fare quest’estate, prevede un curriculum vitae con cui presentarti. Nella maggior parte dei casi ti verrà richiesto di inviare il tuo curriculum via email. È preferibile inviarlo in formato PDF allegandolo a una lettera di presentazione che corrisponderà al corpo della mail: non inviare mai una mail vuota, con solo il CV allegato!

Una volta aperto un account di posta elettronica, è possibile iniziare la ricerca: oltre a rispondere alle inserzioni e inserire la propria candidatura nei diversi portali di recruitment e agenzie per il lavoro, è possibile portare il CV di persona in ristoranti, hotel, bar e pizzerie, se situati in zone vicine al proprio domicilio.

Candidatura in lingua inglese

Per chi intende inviare la propria candidatura per un lavoro all’estero, è fondamentale la preparazione di un CV e una lettera di presentazione (cover letter) in lingua inglese. Il curriculum vitae in inglese non può essere una semplice traduzione letterale di quello in italiano, ma va scritto facendo molta attenzione alla differenza di terminologia utilizzata tra italiano e inglese.

Il portale ClicLavoro Veneto offre indicazioni e consigli utili per la redazione del proprio CV e della cover letter in inglese.

La guida